mercoledì 31 ottobre 2012

C'era una volta: una tavola apparecchiata {Once upon a time: a table laid}


Buongiorno a tutte oggi voglio raccontarvi una storia. La storia di una ragazza che anche se mangiava sola a casa amava apparecchiare di sana pianta tutta la tavola.

E parlo al passato perché è da li che partiamo.

C'era una volta una donzella che tra lavoro, sport, amici e famiglia non rinunciava mai a sedersi intorno ad una tavola per mangiare anche un pezzo di pizza, l'importante se stava a casa era che tutto fosse messo su una candida tovaglia.

Poi un giorno seduta ad un bar incontra il suo principe azzurro e quindi apparecchiare era ancora più bello. Dopo anni di conoscenza i due convolano a nozze e la donzella impazzisce per fare il corredo tra lino e merletti ogni sera a cena sembrava di essere in un ristorante.

Poi un giorno un test comunicò ai due giovani che sarebbero diventati tre e da li la vita cambia.

Nato il primogenito ci si catapulta in una realtà del tutto sconosciuta: mangiare di corsa tra una poppata e l'altra, preparare la cena in tempi da record e soprattutto vengono scoperte le tovagliette all'americana!

Finché dopo i primi mesi il neonato comincio a sedersi al tavolo con i genitori e da li cominciò la catastrofe estetica... Ebbene si perché se i due sposi da una parte erano felici di avere un figlio con loro che man mano cresceva ed imparava a mangiare da solo, dall'altra parte c'era la giovin donzella (ormai neanche più troppo giovin) che guardava disperata l'operato del figlio.

Ma i vari libri di pedagogia e i vari metodi educativi dicono che sperimentare per i bimbi è normale e giusto, quasi un obbligo e quindi la mamma non poteva far altro che lasciar fare... Chiedendosi "ma quando finirà tutto ciò?"





Good morning to all, today I want to tell you a story. The story of a girl that even though eating alone at home loved set the table.

And I speak in the past because we depart from there.

There once was a girl that between work, sports, friends and family never let go sit around a table to eat a piece of pizza, the important thing was that if she was at home everything was put on a white tablecloth.

Then one day, sitting at a bar she meets her prince charming and then set the table was even more beautiful. After years of knowledge the two get married and maiden goes crazy to make the set of linen and lace every night at dinner seemed to be in a restaurant.

Then one day a test communicated to the a young couple who would become three and from there life changes.

Born the eldest you are catapult into a completely unknown reality: eating on the run between feedings, prepare dinner in record time and are mainly discovered placemats!

Until after the first few months, the baby started to sit down with the parents and from there began the disaster aesthetic ... Well yes because if the couple were happy to be a part of having a child with them as they grew up and learned to eat by himself, the other side was the young maiden (now even more so young too) who watched desperate the 'actions of the child.

But the various books of pedagogy and the various methods of education say that experience for the children is normal and right, almost a requirement and then the mother could not help but let it do ... Asking "but when will end all of this?"

1 commento:

  1. forte la foto dell'apparecchiatua in progres! ;)

    OuiOui

    RispondiElimina

Nella valigia:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...